Descrizione

Viste le disposizioni nazionali relative alle certificazioni mediche per assenza scolastica, tenuto conto del PROTOCOLLO CONDIVISO DI REGOLAMENTAZIONE PER IL CONTRASTO E IL CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DEL VIRUS SARS–COV 2 NE SETTORE SCOLASTICO PER IL RIENTRO A.S. 2020/21, si indicano di seguito strumenti e modalità di giustificazione delle assenze degli

Assenze programmate per motivi familiari
(ferie, viaggio o altro..)

REGOLE PER IL RIENTRO A SCUOLA

Il genitore comunicherà preventivamente l’assenza, anche in caso di assenze superiori ai 5 giorni, inviando un’autocertificazione prima che l’alunno si assenti, in cui indicherà esattamente in quali giorni sarà assente (MODELLO 1: Comunicazione preventiva assenze “PROGRAMMATE” per motivi familiari).

Assenze impreviste e improvvise per motivi familiari
(lutto, improvvisa impossibilità di accompagnare l’alunno a scuola, ecc.)

REGOLE PER IL RIENTRO A SCUOLA

Il genitore giustificherà l’assenza con una autocertificazione nella quale dichiarerà i motivi di famiglia (MODELLO 2: Autocertificazione assenze impreviste e improvvise per motivi familiari).

Assenze per motivi di salute  (Condizioni cliniche non sospette per COVID-19)
(es. malattia, infortunio….)

Assenze fino a 3/5 giorni di assenza

Il genitore dovrà contattare telefonicamente, fin dal primo giorno di assenza, il pediatra/medico curante e seguire le sue indicazioni.

REGOLE PER IL RIENTRO A SCUOLA

  • scuola dell’infanzia: fino a 3 (tre) giorni di assenza non è richiesto il certificato del medico curante e il genitore dovrà giustificare con con autodichiarazione (MODELLO 3: Autodichiarazione assenza per motivi di salute non legati a COVID-19)
  • Scuola Primaria o secondaria: : fino a 5 (cinque) giorni di assenza non è richiesto il certificato del medico curante e il genitore dovrà giustificare con con autodichiarazione (MODELLO 3: Autodichiarazione assenza per motivi di salute non legati al COVID-19).

Assenze superiori a i 5 giorni

Il genitore dovrà contattare telefonicamente, fin dal primo giorno di assenza, il pediatra/medico curante e seguire  le sue indicazioni.

REGOLE PER IL RIENTRO A SCUOLA

  • Scuola dell’Infanzia:

Per assenze superiori a 3 (tre) giorni, per rientrare a scuola occorre presentare il certificato del medico curante. Ciò significa che se l’alunno rientra al 4° giorno non è necessario il certificato del medico curante, mentre occorre il certificato del medico curante con rientro il 7° giorno, che attesti l’idoneità alla frequenza.  Nel computo dei giorni oltre i quali sussiste l’obbligo della presentazione del certificato medico curante per assenze (sempre dovute a motivi di salute) rientrano anche le festività intermedie e giorni prefestivi soltanto nel caso in cui l’alunno risulti assente sia prima che dopo le festività stesse (ad esempio, alunno assente l’ultimo giorno di scuola e anche al ritorno dalle vacanze), presumendosi la permanenza dello stato morboso nei giorni festivi/prefestivi (o di vacanza) intercorrenti tra due giorni di assenza da scuola.

  • Scuola Primaria o Secondaria:

Per assenze superiori a 5 (cinque) giorni, per rientrare a scuola occorre presentare il certificato del medico curante. Ciò significa che se l’alunno rientra al 6° giorno non è necessario il certificato del medico curante, mentre occorre il certificato del medico curante con rientro il 7° giorno, che attesti l’idoneità alla frequenza.

Nel computo dei giorni oltre i quali sussiste l’obbligo della presentazione del certificato del medico curante per assenze (sempre, ribadiamo, dovute a motivi di salute) rientrano anche le festività intermedie e giorni prefestivi soltanto nel caso in cui l’alunno risulti assente sia prima che dopo le festività stesse (ad esempio, alunno assente l’ultimo giorno di scuola e anche al ritorno dalle vacanze), presumendosi la permanenza dello stato morboso nei giorni festivi/prefestivi (o di vacanza) intercorrenti tra due giorni di assenza da scuola.

ASSENZE PER POSITIVITÀ’ AL COVID-19
(positivItà al tampone molecolare naso-faringeo, test rapido antigenico ….)

In caso di positività al Covid-19 Il Dipartimento di Prevenzione (DdP) metterà in isolamento l’alunno positivo e informerà la scuola. L’alunno potrà rientrare a scuola solo dopo guarigione clinica (scomparsa dei sintomi) e la conferma di avvenuta guarigione attraverso l’effettuazione del tampone risultato negativo, con l’attestazione rilasciata dal pediatra o dal medico curante.

ASSENZE IN CASO DI CONTATTO STRETTO DI UN CASO POSITIVO
(compagno di classe, docente, ecc.)

Il Dipartimento di Prevenzione (DdP) valuterà:

  • se prescrivere la quarantena a tutti gli studenti della stessa classe e agli eventuali operatori scolastici esposti (considerati contatti stretti)
  • se effettuare il tampone agli studenti della classe e agli eventuali operatori scolastici esposti (considerati contatti stretti)
  • se chiudere solo una classe, più classi o l’intera scuola (NON DECIDE IL DIRIGENTE SCOLASTICO).

Regole per il rientro a scuola

Gli alunni potranno rientrare a scuola con provvedimento del Dipartimento di Prevenzione invierà alla scuola. In alternativa (salvo diversa indicazione da parte del DdP) il dirigente scolastico potrà valutare se far rientrare a scuola gli alunni (nel caso in cui tutti risultino negativi), con attestazione del pediatra.

 

ALUNNO CONTATTO STRETTO DI UN CONTATTO DI UN CONTATTO STRETTO DI UN CASO COVID-19
es. alunno che frequenta un amico con genitore risultato positivo al COVID- 19 )

Se un alunno risulta un contatto stretto di un contatto stretto di un alunno positivo a Covid-19 (non ha avuto contatto diretto con il caso positivo) non c’è alcuna precauzione da prendere e potrà continuare a frequentare la scuola. Questo, ovviamente, a meno che il contatto stretto del caso non risulti successivamente positivo ad eventuali test.

Alunno che presenta uno o più sintomi a scuola
(Febbre sopra i 37,5 gradi, brividi, tosse, difficoltà respiratorie, perdita o diminuzione dell’olfatto, perdita o alterazione del gusto, raffreddore, mal di gola, diarrea, vomito).

Il personale scolastico che viene a conoscenza di un alunno sintomatico deve:

  1. avvisare il Referente scolastico per COVID-19 che fa avvertire immediatamente i genitori/tutore legale (in assenza del referente scolastico avviserà il Dirigente Scolastico o suo sostituto).
  2. l’alunno, in compagnia di un docente o collaboratore scolastico, deve indossare la mascherina chirurgica ed essere ospitato in una stanza dedicata (Aula COVID) dove si dovrà procedere alla rilevazione della temperatura corporea mediante utilizzo di termometro a distanza. L’adulto dovrà essere mantenuto, ove possibile, il distanziamento fisico di almeno un metro e indossare la mascherina chirurgica fino a quando l’alunno non sarà affidato a un genitore/tutore legale.

Una volta prelevato dai genitori, questi devono contattare telefonicamente il Pediatra o il Medico di base per la valutazione clinica del caso e seguirne le indicazioni.

 Regole per il rientro a scuola

L’alunno potrà rientrare a scuola con il certificato del medico curante.

SI RICORDA CHE:

Tutte le mattine gli alunni devono misurare la temperatura prima di recarsi a scuola e restare a case se si presenta uno dei seguenti sintomi:

  • febbre (viene considerata ‘febbre’ una temperatura corporea sopra i 37,5 gradi)
  • brividi
  • tosse
  • difficoltà respiratorie
  • perdita improvvisa dell’olfatto
  • perdita del gusto
  • diminuzione dell’olfatto
  • alterazione del gusto
  • raffreddore o naso che cola
  • mal di gola
  • diarrea
  • vomito
  • dolori muscolari